E’ tempo di rifiorire: dieci incontri di psicoterapia on line

psicoterapia on line

Dieci incontri di psicoterapia on line
per elaborare il trauma da Coronavirus

 

Quando il nostro Presidente del Consiglio ha posto fine al lockdown emanando nuove regole meno restrittive mi aspettavo un senso di sollievo da parte di tutti noi che per due mesi avevamo vissuto una specie di reclusione forzata, anche se a fin di bene. Eppure continuando a seguire i miei pazienti on line, come ormai facevo dai primi di marzo, mi ha sorpreso che tutti mi parlavano della difficoltà di lasciare un luogo che aveva fatto scoprire loro un modo diverso di essere. Lento, sicuro, senza responsabilità, guidati da una autorità sentita come capace, determinata, rassicurante. Dovevamo solo aspettare e obbedire e tutto si sarebbe risolto bene.

Siamo per un po’ tornati bambini che percepivano (attraverso la televisione in questo caso) da lontano e al sicuro il mondo degli adulti. Adulti che nel frattempo si ammalavano, soffrivano, lottavano, morivano. Adulti che dedicavano tutto il loro tempo e le loro energie a curare, decidere come accudirci, stremati dalla fatica e dalle responsabilità.

Uscire dal guscio  ha creato inevitabilmente ansia, depressione, calo dell’umore, insicurezza. Ne ho parlato in un articolo precedente come sindrome della capanna.

Tornare a doverci occupare di noi ha reso alcuni incerti, insicuri, diffidenti verso gli altri percepiti come possibili portatori del virus. Altri all’opposto sono diventati gradassi, trasgressori delle regole, difendendosi dalla paura attraverso  la negazione  della loro vulnerabilità al virus o addirittura dell’esistenza del Covid-19 stesso. Possiamo riconoscere i due aspetti di un sentire depressivo o maniacale.

Il Trauma da Coronavirus

In realtà pur fidandoci sappiamo che anche l’autorità ha per molto tempo navigato a vista. Il personale sanitario ha fatto il possibile e ne ha pagato un caro prezzo. Al sicuro nelle nostre case abbiamo aspettato che “tutto finisse bene”, ma i danni che ne abbiamo ricevuto sono veramente tanti e riguardano tutti i contesti della nostra vita: psichico, familiare, sociale, economico. E tante vite, genitori, amici, vicini di casa sono state spezzate. Così una intera generazione in Italia ha vissuto improvvisamente ciò che hanno vissuto tutte le generazioni passate da quando esiste l’uomo: un cambio improvviso, doloroso e radicale della propria esistenza. Un prima e un Dopo. Un trauma collettivo appunto. Le cui conseguenze ci porteremo dietro giorno per giorno.

Dieci incontri di psicoterapia di gruppo on line

Ecco perché vi propongo un percorso per elaborare insieme questo “trauma collettivo”. Proprio perché ciò che abbiamo vissuto, e stiamo ancora vivendo, riguarda certamente noi in prima persona, ma non solo.  Riguarda tutta la collettività di cui facciamo parte. Ci sarà il tempo della ripresa, ma ora è il tempo di comprendere insieme come si sono trasformate le nostre vite, cosa è cambiato dentro di noi. Quali conseguenze, alcune probabilmente felici, altre dolorose, questo evento sta avendo nella relazione con noi stessi e con gli altri.

Dare attenzione e significato a ciò che è accaduto e sta ancora accadendo fa già parte dell’elaborazione del trauma. Riconoscere che qualsiasi sia ciò che proviamo dentro di noi fa parte di un sentire più collettivo che ci lega gli uni agli altri è via di guarigione. Trarre un  impulso comune da questa tragedia, pur nella grande diversità delle nostre vite,  per una presenza sempre più attiva, felice e consapevole alla nostra vita personale e collettiva è lo scopo di questi incontri.

Informazioni pratiche.

Gli incontri si svolgeranno on line attraverso Zoom ogni martedì dal 21 luglio, dalle  18,00 alle ore 19,30, per 10 martedì consecutivi.  Probabilmente già tutti conoscete Zoom, molto facile da usare e ultimamente dotata di tutti i sistemi di garanzia della privacy. A tutti gli iscritti verrà data una password e un indirizzo web per accedere alla piattaforma.

Ogni incontro sarà suddiviso in quattro momenti

a) condivisone del vissuto di ognuno di questi ultimi mesi
b) pratica di consapevolezza (mindfulness) per dare a ciascuno strumenti durante la settimana per aiutarsi a gestire emozioni e pensieri disturbanti
c)  “esercizio psicologico” per indagare e costruire nuove risorse
d) condivisione finale sulle esperienze dell’incontro

Costo del percorso

Il percorso dei dieci incontri di psicoterapia di gruppo on line è di 250 euro + 2% r.p
(la fattura  potrà essere scaricata come  prestazione sanitaria)

Per poter accedere al corso è previsto (sempre on line) un colloquio individuale di 30 minuti gratuito. Per prenotare il colloquio

bi.pescatori@gmail.com
tel. 3356902469